Impressioni su “La Guerra Perpetua” di Joseph R. Lallo

buongiorno lettori fantastici, oggi vorrei esporre i miei pensieri sul romanzo di Joseph Lallo.

Esordisco col dire che sicuramente è il migliore dei romanzi del genere fantasy, scritto da un autore non best seller in Italia, che abbia letto. Indubbiamente bello nella prosa e interessante nella descrizione dei personaggi, nella storia raccontata e nella sequenza delle vicende.

La Guerra Perpetua: Fantasy Italiano di [R. Lallo, Joseph]

Autore: Joseph R. Lallo                                                                                                                    Titolo: La Guerra Perpetua                                                                                                                Editore: Kindle Edition                                                                                                                      Prezzo ebook:  9,99 euro                                                                                                                    Prezzo cartaceo: 12,99 euro                                                                                                              Genere: fantasy                                                                                                                                    Pagine: 331                                                                                                                                              Data di pubblicazione in Italia: 26/4/2018                                                                                      Disponibile su: amazon

 

TRAMA

Dal momento in cui Myranda toccò la preziosa spada, lasciandole una cicatrice nel palmo della mano, trovata per caso nella distesa di neve che andava attraversando, appartenuta a un cavaliere morto e sepolto dallo strato soffice dei fiocchi caduti in terra, la sua vita aveva preso una piega pericolosa e inaspettata. La cicatrice che, il contatto con la lama, le si era impressa nel palmo della mano lasciandola stordita, lasciava presagire che qualcosa di misterioso, forse magico, le era successo.

Il suo intento era quello di venderla in cambio di denaro e con quello acquistare il necessario alla sua sopravvivenza nel mondo ostile in cui abitava. C’era quasi riuscita ma, inaspettatamente, si ritrova prigioniera in una vecchia chiesa abbandonata, in attesa di essere consegnata all’Alleanza del Nord, proprio per colpa di quella spada. L’accordo tra colui che l’aveva imprigionata e i soldati in qualche modo salta e il primo addirittura la lascia libera di fuggire, ammonendola del pericolo in cui è incorsa.

La fortuna la assiste continuamente. Eventi fortuiti le consentiranno di salvarsi la vita diverse volte, anche in uno scontro tra draghi all’interno di una caverna, e addirittura ne uscirà accompagnato da un piccolo drago appena nato, salvato da una morte che aveva aggredito la covata di uova ancora chiuse.

Per chi legge il genere fantasy e non disdegna la presenza di creature quali i draghi, immaginare di trovare un piccolo appena nato, grande quanto un cane, che ti segue costantemente in ogni cosa che fai e ti adora come se fossi suo genitore, porta alla memoria diverse storie fantastiche in cui l’attaccamento uomo e animale diventa un legame assoluto. Con un drago o più draghi assume un fascino eccezionale.

Cercherà continuamente di sfuggire alle pattuglie di èlite dell’esercito dell’Alleanza. Nella sua peregrinazione incontrerà il gruppo di resistenza Insidia, il cui comandate Gaya la condurrà dal mago Wolloff a imparare l’arte della guarigione, utile ai soldati del gruppo. Incontrerà una creatura fantastica, il malathrope Leo, metà uomo e metà animale. Personaggi che la aiuteranno a fuggire. Con quest’ultimo, in particolare, si instaurerà un legame speciale: una stima assoluta da parte della ragazza che però si trasformerà in un rapporto pressoché ostile dal momento in cui Myranda comincerà a scoprire segreti oscuri di Leo (anche il nome che sembra essere Lian). La caratterizzazione della protagonista e coprotagonista si delineerà nel corso della storia, attraverso un gioco sottile di domande, che l’autore ha creato appositamente, alle quali Leo non può sottrarsi, avendo consentito alla ragazza di poterle porre ogni qualvolta riuscisse a contrastarlo efficacemente nei duelli di formazione all’arte del combattimento.

La fuga dei due si concluderà in un luogo nascosto e inaccessibile che Leo aveva conosciuto tanti anni addietro. Un posto abitato da persone dotate nell’arte della magia, dove Myranda apprenderà molto su se stessa e sulle proprie abilità, fino a essere considerata una persona speciale in grado di superare prove di addestramento estremo che nessun apprendista prima di lei era riuscito a affrontare. Il legame con Leo, per quanto ostile, si approfondirà ancora di più e la costringerà a seguirne le orme. Non voglio dire altro per non anticipare il finale che preclude a una storia che avrà un seguito.

Ciò che mi è piaciuto in modo particolare, forse anche perché rispecchia in qualche modo una mia peculiare inclinazione, è l’intenso istinto pacifista della protagonista Myranda. Il suo pensiero costante è quello di porre fine alla guerra in qualunque modo, a qualsiasi costo, anche fino a mettere la propria vita in pericolo.

La prosa utilizzata dall’autore è essenziale, concisa e allo stesso tempo scorrevole e mai banale. Descrive scene e personaggi con notevole maestria rendendo il tutto accattivante e interessante.

Le armi che Desmeres collezionava erano il cuore della guerra, pertanto Myranda le disprezzava, ma quello era un uomo capace di ammirare la forma al di là dello scopo. Era un piacevole cambiamento rispetto all’ossessione prevalente dei suoi compatrioti.

I protagonisti sono ben delineati, oltre a Myranda e Leo anche gli altri personaggi hanno una caratterizzazione ben definita, come Deacon, il generale Trigorah e altri ancora.

Unica pecca, che a volte può dare fastidio, è la presenza di troppi piccoli errori di battitura, ma tutto è piacevolmente attutito dal modo di scrivere scorrevole e dalla bella storia.

La mi valutazione finale

Risultati immagini per immagini di volpeRisultati immagini per immagini di volpeRisultati immagini per immagini di volpeRisultati immagini per immagini di volpe

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...