Le mie impressioni su La Linea D’Ombra di JOSEPH CONRAD

Cari book raiders, ho di nuovo letto un libro breve ma intenso, in prosa e in contenuti .

Autore:  Joseph Conrad                                                                                                                      Titolo: La Linea d’Ombra                                                                                                                  Editore: Garzanti – I grandi libri                                                                                                      Prezzo cartaceo: 6,80 euro                                                                                                                Genere: Narrativa                                                                                                                                Pagine: 164                                                                                                                                              Data di pubblicazione:  2014 – 16^ edizione                                                                                  Disponibile su: Amazon

LA TRAMA

Un giovane marinaio decide di lasciare il ruolo di comandante in seconda di una nave per cambiare vita, la sua intenzione è quella di lasciare il mondo della marina e tornare a casa in Inghilterra abbandonando le terre e i mari orientali. Si ritrova in un hotel di lusso, vicino al comando portuale della città in cui è sbarcato. Dapprima si manifesta una conversazione abbastanza animata con il capitano Giles, con il quale  il nostro protagonista si risente dei suoi modi di fare e praticamente lo lascia al tavolo allontanandosi con scortesia. Poi, però, lo ringrazia, quando lo stesso personaggio lo invita a scoprire il contenuto di un dispaccio pervenuto in totale segretezza, o quantomeno tenuto celato dal cambusiere, in cui si ricercava un capitano per una imbarcazione. In pochissimo tempo viene contattato dal comandante del porto e gli viene assegnato l’incarico.

Raggiunge il porto dove il veliero è ormeggiato, salpa e, dopo un primo momento di leggera brezza, che porta la sua imbarcazione lontano dalle coste, si ritrova in mezzo al golfo di Siam in totale bonaccia. Non un refolo di vento che spinga il natante verso nuovi lidi e abbandonare, così, quel luogo malefico in cui i marinai, già logori dalla febbre gialla, si sono rassegnati a affrontare un tragico destino: la morte.

Dopo tre settimane di calma piatta e poca assistenza per la malattia che ha colpito quasi tutto l’equipaggio (il chinino presente a bordo era in quantità minime), finalmente inizia a muoversi un po’ di vento e riescono a sbarcare incolumi ma sfiniti nel fisico e nello spirito.

Risultati immagini per immagini la linea d'ombra

Aldilà della storia, di per sé abbastanza interessate, e delle avventure che la riempiono,  ciò che colpisce subito in questo romanzo è la capacità descrittiva delle sensazioni e delle ambientazioni che sono veramente eccezionali, in poche parole riesce a trasmetterti gli stati d’animo dei personaggi o a catturare i dettagli di una scena come in una istantanea.

… Raggiunsi la sua soglia in pieno sole senza farvi caso, e quindi la penombra dei grandi alberi sullo spiazzo senza sentirne il piacere. Il calore dell’Oriente tropicale scendeva attraverso i frondosi rami, avvolgendo il mio corpo sotto i vestimenti leggeri, aderendo al scontento ribelle, quasi a defraudarmi della sua intima libertà …

Il protagonista sente il bisogno di dare una svolta alla propria vita. Accetta subitaneamente l’incarico, manifestando comunque una sorta di sbigottimento e sorpresa per quanto gli sta capitando, ma la voglia di cambiare ha il sopravvento e entusiasta come un ragazzino si butta nell’impresa. In fondo non sa neanche lui cosa gli sia preso ma come afferma … Quel che volevo in realtà era trovare qualcosa di diverso a cui aggrapparmi. Ho sentito che era ora di farlo … 

Nell’attesa e alla vista della sua nave, il nostro capitano affronta una serie di stati d’animo molto intensi e particolari. Sembra quasi di assistere all’emozione del primo appuntamento di un ragazzino con la propria morosina; un innamoramento che riempie il cuore e gli occhi di gioia infinita.

Tra le sue compagne ormeggiate a sponda, tutte più grandi di lei, sembrava una creatura di nobile stirpe – un destriero arabo in una squadra di cavalli da tiro.     oppure

… Sapevo che la mia nave – al pari di certe donne rare – era una di quelle creature la cui semplice esistenza è sufficiente a ispirare un disinteressato piacere. Si sente che è bello essere nel mondo dove c’è lei.

Questo romanzo è conosciuto al mondo per il messaggio che l’autore ha voluto trasmettere: il passaggio dalla giovinezza all’età adulta, attraverso simbolismi e metafore ben confezionate.

Attraversare la linea d’ombra

Tutti gli elementi caratteristici di un comportamento giovanile si manifestano nel protagonista. Un atteggiamento aggressivo, prepotente, tormentato e per altro di fastidio che nutre in tutti i personaggi che incontra all’inizio della sua avventura, considerandoli degli stupidi, come persone da evitare; ma da una parte vi è anche quel modo quasi spensierato di affrontare l’impegno di comandare una nave, si butta nell’impresa accettando l’incarico che gli è stato conferito, ma subito dopo è preso da dubbi sulle proprie capacità e sulle responsabilità che gli sono piombate sulle spalle. Sin da subito cercherà di farsi rispettare a acquisire al contempo la fiducia dei suoi marinai, dando prova di discernimento e compostezza, provando a trasmettere sicurezza, soprattutto nei confronti del primo ufficiale che darà segni di squilibrio, dovuto anche alla febbre gialla, incolpando dei loro malesseri il precedente comandante del veliero, deceduto per pazzia poco tempo prima.

La situazione di stallo, venutasi a creare nella bonaccia improvvisa, può certamente rappresentare quella linea d’ombra che agguanta nelle sue dolci grinfie l’indefinito confine personale in cui si manifesta l’affacciarsi alla maturità. Il protagonista, persona anch’essa indefinita, universale di cui non sappiamo giustamente il nome, sente sulle spalle quelle responsabilità che ormai gli appartengono e alle quali non può sottrarsi: il buon governo del veliero, la giusta considerazione delle esigenze di ciascun marinaio, l’attenzione che deve riporre alle difficoltà fisiche e mentali dei suoi sottoposti, la freddezza e compostezza del proprio carattere al fine di trasmettere positività e sicurezza nell’agire. Un momento di transizione felicemente delineato da Conrad, in un atmosfera di attesa nel caldo insopportabile dei tropici, fino alla liberazione rappresentata dall’avvento dei sospiri marini che iniziano a spirare portando la nave, quindi il nostro protagonista, verso la completa cognizione di sé e del suo nuovo mondo.

Indubbiamente uno splendido romanzo

Risultati immagini per immagini di volpe Risultati immagini per immagini di volpe Risultati immagini per immagini di volpe Risultati immagini per immagini di volpe Risultati immagini per immagini di volpe

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...